0825 1912258

Via Nazionale Torrette 98, 83013 Mercogliano (AV)

Lun - Ven 9.00 - 13.00 | 14.00 - 18.00

Accedi | Registrati

Prodotti e SoluzioniBlogAssistenza
Carrello
0
Articolo
Prezzo
Carrello vuoto

Dopo un anno difficile, abbiamo deciso di trascorrere un pò di tempo con le persone heart che amiamo. Dal 2 al 22 agosto 2021, siamo in ferie! island. Dedica un po di tempo anche tu alla tua famiglia.kiss. Tutti ci meritiamo un pò di relax. Se hai bisogno di noi, puoi scriverci una e-mail a hand info@gecsoftware.it. Ti aspettiamo a settembre con tantissime novità assolute hugging-face

Capitolato d’Appalto: chiariamoci le idee

4 anni fa

9 minuti

35895 letture

Cos’è il Capitolato d’Appalto?

Il Capitolato d’Appalto è un documento di carattere tecnico – amministrativo, di solito legato al contratto d’appalto, di cui è parte integrante, in cui sono specificati:
– obblighi e diritti delle parti che stipulano il contratto
– materiali usati per la costruzione
– tecniche costruttive impiegate per realizzare l’intervento.

Insomma, si tratta di un documento importante per definire le regole che definiscono il rapporto tra Committente e Impresa.

In particolare, si distinguono due tipologie di capitolato:
– il Capitolato Generale d’Appalto
– il Capitolato Speciale d’Appalto.

Il Capitolato Generale è obbligatorio unicamente per gli appalti affidati dalle pubbliche amministrazioni, tra cui proprio quelli per lavori edili.

Questo tipo di capitolato è sempre lo stesso, valido su tutto il territorio nazionale, ed è disciplinato dal D. M. n. 145/2000. E’ suddiviso nei seguenti capitoli:
– Capo I: aggiudicazione dei lavori
– Capo II: esecuzione dei lavori
– Capo III: pagamenti all’appaltatore
– Capo IV: collaudo
– Capo V: disposizioni su eventuali scioglimenti del contratto
– Capo VI: definizione di eventuali controversie.

Anche quello Speciale viene sempre utilizzato per gli appalti pubblici, ma può essere redatto anche per regolare i rapporti tra impresa e privati e, in tal caso, fa parte integrante del progetto esecutivo.

 

Come è formato il Capitolato Speciale?

Il Capitolato Speciale deve essere compilato dal progettista dell’opera ed è variabile in base all’oggetto dell’intervento e quindi dei lavori da realizzare.
Si possono, ad esempio, avere capitolati speciali per lavori edili in genere, per lavori di restauro, per la realizzaizone di strade, per l’esecuzione di impianti, e così via.

Generalmente, lo schema – tipo di un Capitolato Speciale prevede le seguenti parti:
– Oggetto e ammontare dell’appalto
– Stima dei costi di realizzazione
– Caratteristiche tecniche delle opere
– Specifiche amministrative
– Tempi di realizzazione ed eventuali penali.
Fondamentalmente, quindi, può essere suddiviso in due parti: una di carattere amministrativo e una più prettamente tecnica.

Il documento deve indicare le modalità con cui i lavori saranno contabilizzati: a corpo, a misura o in economia.

Al Capitolato sono allegati i seguenti documenti:
– Progetto esecutivo delle opere da realizzare
– Computo metrico dei lavori
– Contratto di appalto
– Elenco dei prezzi unitari da applicare in caso di eventuali lavori in variante rispetto al progetto originario.

Affinchè un Capitolato sia valido, dovrà essere ovviamente firmato da entrambi i contraenti. E’ consigliabile apporre le firme su tutte le pagine.

 

Capitolato software

 

Il Capitolato d’Appalto e il Nuovo Codice dei Contratti

Lo scorso anno è entrato in vigore il d.lgs. 18 aprile 2016 n. 50, recante il nuovo Codice dei contratti pubblici.

Il decreto, necessario per adeguarsi a una direttiva europea in materia di appalti pubblici, è stato pubblicato proprio in extremis (esattamente entro la scadenza prevista del 18 aprile), per cui, per alcuni aspetti, tra cui quelli inerenti i capitolati, sarà necessaria l’emanazione di diversi decreti attuativi.

Il Capitolato Generale d’Appalto di cui al decreto ministeriale 19 aprile 2000 n. 145 non è stato abrogato, per cui resta in vigore così come configurato dopo l’approvazione del Regolamento n. 207/2010, attuativo del vecchio codice dei lavori pubblici, che ne aveva abrogato alcuni articoli.

Per quanto riguarda invece i Capitolati Speciali, si attendono gli schemi tipo che dovranno essere predisposti dall’ANAC (Autorità Nazionale Anti Corruzione).

 

Perché redigere un Capitolato Speciale?

Come detto in precedenza, i Capitolati sono obbligatori per l’assegnazione di appalti pubblici, ma non per l’affidamento di lavori privati.

Il documento, tuttavia, risulta indispensabile per garantire al committente che i lavori eseguiti dall’impresa saranno portati a termine a perfetta regola d’arte e nei tempi prestabiliti.
Grazie al Capitolato è inoltre possibile tutelarsi in giudizio nel caso in cui insorgano eventuali controversie.

Per questo motivo, per il committente è sempre consigliabile richiederne la sottoscrizione, soprattutto se si devono affidare lavori per l’esecuzione di un intervento di una certa mole.
Nei lavori più modesti, come quelli di ristrutturazione interna, è di solito omesso, ma personalmente lo consiglio comunque per scongiurare imprevisti e controversie.

Per il professionista tecnico è invece importante informare correttamente il committente sull’utilità della redazione di questo documento.

Infine, per l’Impresa offrire al committente la redazione di un Capitolato Speciale può essere segno di serietà e professionalità.

 

Come redigere un Capitolato?

Hai bisogno di una mano per la redazione di un documento che sia preciso e professionale?

Prova il nostro nuovo software Capitolato… è disponibile in versione demo e potrai averlo ad un prezzo lancio davvero eccezionale!

 

Software Capitolato